Come curare le piante: i Mughetti

da , il

    Se amate i fiori molto profumati, i Mughetti sono adatti a voi. Si tratta, appunto, di fiorellini bianchi, a forma di campanelle e profumatissimi. Il Mughetto è una pianta piccola il cui nome botanico è Convallaria majalis e appartiene alla famiglia delle Liliacee. Questa pianta cresce spontaneamente nei boschi e sulle colline dell’Europa e dell’Asia. Il Mughetto sviluppa dal suo rizoma due foglie allungate e carnose. In primavera tra le due foglie compare un fusto con i fiorellini. In estate i fiori sono sostituiti da bacche rosse. Bisogna fare la massima attenzione perchè tutte le parti della piante di Mughetto sono velenose.

    Vediamo come si coltivano i Mughetti.

    I rizomi dei Mughetti vanno interrati in primavera o in autunno in una posizione ombreggiata, perchè patiscono il caldo, soprattutto durante l’estate. Cercate, quindi, una posizione che anche durante la stagione calda sia relativamente fresca e soprattutto ombreggiata, ma non buia.

    I Mughetti amano anche i terreni leggermente umidi; come per tutte le piante, quando si procede con le annaffiature, non si deve inzuppare il terreno, altrimenti il rizoma marcisce.

    In primavera e in estate vanno annaffiati con regolarità, mentre con l’inizio della stagione fredda i Mughetti perdono le foglie e vanno in riposo vegetativo. In questo periodo non vanno annaffiati.

    Il Mughetto è molto utilizzato per i bouquet da sposa, ma anche in cosmetica per la preparazione di profumi, creme e prodotti per l’igiene e la cura della persona.

    Nella fotogallery potete ammirare delle bellissime immagini di Mughetti.