Festa della Mamma

Come curare le piante grasse: la Portulaca

Come curare le piante grasse: la Portulaca

    Oggi vedremo come si coltiva una pianta grassa particolarmente diffusa: la Portulaca. Non è difficile curare le piante grasse, che sono adatte anche a chi non ha il cosiddetto “pollice verde”. La Portulaca è conosciuta anche con il nome di Porcellana. Questo perchè ha le foglie molto brillanti di colore verde chiaro. I fusti sono rossi e hanno molti rami. La particolarità dei suoi fiori è che sono piccolini, con petali dall’aspetto stropicciato e di colore vivace: giallo, rosso, rosa, fucsia e arancione.


    La Portulaca è una succulenta originaria dell’America meridionale e dell’Australia. Cosa sono le succulente? Si tratta di piante dotate di particolari tessuti in grado di immagazzinare acqua al loro interno.

    La Portulaca non è di grosse dimensioni: può raggiungere al massimo i 30 cm. Fiorisce durante l’estate, da giugno a settembre.

    Per ottenere una ricca fioritura va posizionata in un posto luminoso e soleggiato. Teme le basse temperature, come tutte le piante grasse, quindi non dovete lasciarla all’esterno durante l’autunno e l’inverno.

    Per quanto riguarda le annaffiature devono essere moderate, evitando i ristagni. Sappiate che la Portulaca è una pianta che preferisce la siccità piuttosto che essere allagata! Lasciate asciugare perfettamente il terreno tra un’annaffiatura e l’altra. Va concimata durante la fioritura ogni due settimane, mentre non necessita potature o rinvasi.

    Nella fotogallery potete ammirare alcune immagini di Portulaca.

    291

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cura PiantePiante E FioriPrimo Pianofiori estivipiante grasse

    Festa della Mamma

    Top Video
    PIÙ POPOLARI