Città pericolose per le donne: la classifica mondiale

La Thomson Reuters Foundation ha stilato la classifica delle città più ostili alle donne, tenendo conto di aspetti come il rischio di violenze, stupri, ma anche il difficile accesso a strutture sanitarie e all’istruzione. La città più pericolosa al mondo per il gentil sesso è risultata il Cairo.

da , il

    Città pericolose per le donne: la classifica mondiale

    Pubblicato il primo sondaggio internazionale sulla classifica delle città più pericolose al mondo per le donne. E’ stata la Thomson Reuters Foundation con il supporto di organizzazioni locali a stilare la lista delle megalopoli più rischiose per il gentil sesso. Vediamo quali sono e perché.

    Su cosa si basa la classifica?

    La ricerca della Thomson Reuters Foundation si è basata tenendo conto di questi elementi:

    • pericolo di violenza sessuale e molestie,
    • pericolo per la salute,
    • pratiche culturali dannose nei confronti delle donne (tra gli esempi più tristi la mutilazione genitale e i matrimoni precoci delle spose bambine),
    • l’accesso alle risorse: da quelle economiche all’istruzione.

    Secondo questi 4 aspetti, è stata stilata la classifica, utile anche a capire cosa poter cambiare per rendere le città meno pericolose per le donne.

    Quali sono le città più pericolose per le donne: la classifica

    Con i dati ottenuti ed il confronto con associazioni dei diritti umani, la Thomson Reuters ha reso nota la classifica.

    1. Il Cairo

    Il primato negativo per pericolosità per le donne spetta alla capitale egiziana: è il Cairo la città off limits per le donne. Secondo la giornalista egiziana Shahira Amin anche camminare per strada rappresenta un pericolo per le donne. Il rischio di molestie e abusi è dietro l’angolo in una città dove, come denunciano le associazioni per i diritti umani, la vita è difficile sotto ogni aspetto. Nella capitale egiziana, infatti, le femmine hanno accesso limitato all’assistenza sanitaria di buon livello, alle finanze e all’istruzione.

    2. Karachi

    Segue al secondo posto Karachi, la città più popolata del Pakistan con circa 17 milioni di persone che oltre all’alto tasso di pericolosità per i continui attacchi terroristici, si dimostra ostile verso le donne. In Pakistan in generale le donne non solo godono di pochi diritti, ma le cronache ci riportano spesso di fatti violenti contro di queste, come l’ultima in cui un uomo ha ammazzato la moglie per impedirle di lavorare.

    3. Kinshasa

    Sul podio negativo anche Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo. Kinshasa è risultata essere anche la settima al mondo dove si consumano più violenze di genere. Non vengono risparmiate nemmeno le bambine in tenera età: tristemente noto è il villaggio di Kuvum dove viene attuato il cosiddetto stupro di guerra.

    4. Nuova Delhi

    Segue Nuova Delhi che in particolare, assieme alla città brasiliana di Sao Paulo, è considerata tra le peggiori per il rischio di molestie, violenze sessuali e stupri. Nella città indiana è molto difficile che alle donne vengono assicurati i diritti fondamentali quali l’assistenza medica e l’istruzione.

    5. Lima

    Tra le città più ostili alle donne troviamo anche Lima . Nella capitale peruviana c’è un alto tasso di mortalità materna in gravidanza, segno che manca di strutture adeguate per garantire la salute e la sopravvivenza alle donne. Il dato agghiacciante è che spesso colpisce le adolescenti.

    6. Città del Messico

    Non migliore per le donne la situazione nella megalopoli messicana dove è all’ordine del giorno la lotta contro le molestie sessuali subite dalle donne in strada e in metropolitana.

    7. Dacca

    In fondo alla classifica delle 10 città più pericolose troviamo Dacca, la capitale del Bangladesh. Qui purtroppo è diffuso il fenomeno delle spose bambine. E le cose non sembrano migliorare: di recente addirittura il Parlamento si è trovato a discutere sulla vergognosa proposta di abbassare l’età del matrimonio anche a 15 anni, se riferita a casi speciali.

    8. Lagos

    Nella città nigeriana di Lagos essere donne è altamente pericoloso. Nonostante siano state dichiarate illegali le mutilazioni genitali femminili, nel mondo un quarto delle donne che subisce questa pratica proviene proprio dalla Nigeria.

    9. Jakarta

    Nella popolosa capitale indonesiana per le donne accedere all’istruzione e alle risorse finanziare è un miraggio. Alla donna è vietato tenere un conto corrente bancario, così come avere un prestito.

    10. Istanbul

    In un paese dove già le libertà sono ristrette, vedi quella di stampa, per le donne è ancora peggio: possono essere insultate per strada anche solo se vestite in maniera “non consona”.

    Secondo la Thomson Reuters Foundation invece le città più ‘amiche’ e sicure per le donne sono Londra, Tokyo e Parigi.