Chi è Virginia Raggi, la nuova sindaca di Roma del Movimento Cinque Stelle: biografia e programma [FOTO]

Chi è Virginia Raggi, la nuova sindaca di Roma del Movimento Cinque Stelle: biografia e programma [FOTO]
da in Attualità, Donne in Carriera, Elezioni amministrative 2016, Politica, Virginia Raggi
Ultimo aggiornamento:

    Virginia Raggi è la nuova sindaca di Roma, candidata del Movimento Cinque Stelle. Il 7 luglio la prima donna a sedere sullo scranno più alto del Campidoglio ha giurato da sindaca e ha presentato la sua giunta. In questi mesi di campagna elettorale, la candidata grillina ha attirato su di sé l’attenzione dei media e degli esperti di comunicazione per il suo stile, la sua determinazione, il suo look e il suo programma. Ma chi è Virginia Raggi? Conosciamola meglio, scoprendo la sua biografia e il suo programma elettorale per la Capitale.

    Prima dell’insediamento in Campidoglio, Virginia Raggi è stata duramente offesa e insultata dal Governatore della Campania Vincenzo De Luca durante la direzione del Partito Democratico: “Ho visto la Raggi alla finestra, mi sono intenerito. L’ho vista come una bambolina imbambolata”. Insulti sessisti che hanno scatenato l’ira e l’indignazione del popolo della Rete e della classe politica italiana. Il 7 luglio Virginia Raggi ha giurato da sindaca e ha presentato la sua giunta che è composta in gran parte da manager ed esperti esterni al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Della nuova giunta fanno parte cinque uomini e quattro donne: Daniele Frongia (vicesindaco e assessore alla Qualità della vita), Marcello Minenna (assessore al Bilancio e Patrimonio nonché alla riorganizzazione delle aziende partecipate), Paola Muraro (assessore all’Ambiente), Linda Meleo (assessore alla Mobilità), Laura Baldassarre (assessore al Sociale e alla Scuola), Paolo Berdini (assessore all’Urbanistica), Luca Bergamo (assessore alla Cultura), Flavia Marzano (assessore alla Semplificazione) e Adriano Meloni (assessore allo Sviluppo economico). Alla cerimonia di insediamento, che si è tenuta nell’Aula Giulio Cesare, hanno assistito anche il figlio e il marito della sindaca. Virginia Raggi si è detta orgogliosa di essere la prima donna alla guida della Capitale e ha annunciato una nuova era democratica: “Questa deve tornare ad essere la casa di tutti i romani. È la nostra grande occasione per cambiare le cose, è l’occasione di tutti i romani per tornare ad avere una Città che si occupi di tutti. Ci avviciniamo all’importante compito che ci attende con senso del dovere e con umiltà – ha proseguito Virginia Raggi ricordando i predecessori storici e indiscutibili Petroselli e Argan – sapendo che ricostruire una città in macerie, come quella che ci hanno lasciato, non sarà facile, ma ce la possiamo fare. È un obiettivo che il M5S può e vuole raggiungere”.

    Virginia Raggi è nata 37 anni fa a Roma ed è cresciuta nel quartiere San Giovanni-Appio Latino. Si è diplomata al Liceo Scientifico Isacco Newton e ha poi conseguito la laurea in Giurisprudenza all’Università Roma Tre. E’ avvocata civilista nello studio Sammarco ed è mamma di un bambino di nome Matteo. E’ cattolica ed è appassionata di bici.

    SCOPRI LE DONNE CANDIDATE A SINDACO ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016

    Dopo aver votato per anni a favore della sinistra, Virginia Raggi si è pentita ed è scesa in politica nel 2011 aderendo al Movimento 5 Stelle. Lei e altri due attivisti hanno poi costituito il gruppo del XIV Municipio.

    Nel 2013 è stata eletta portavoce Consigliere Capitolino e durante il suo mandato ha seguito i lavori delle Commissioni scuola, politiche sociali, cultura, politiche giovanili, Roma Capitale, politiche comunitarie e poi garanzia e trasparenza. Dopo aver vinto le primarie sul blog di Beppe Grillo, è stata nominata candidata a sindaco di Roma. Al primo turno delle elezioni amministrative Virginia Raggi ha ottenuto il 35,4% delle preferenze. Il 19 giugno ha vinto il ballottaggio contro Roberto Giachetti del Partito Democratico con una percentuale bulgara: il 67,2% delle preferenze e oltre 770mila voti!

    SCOPRI COME FUNZIONA LA PREFERENZA DI GENERE

    Il programma elettorale di Virginia Raggi poggia su 11 punti fondamentali: mobilità, rifiuti, trasparenza, ambiente, sicurezza, politiche sociali, casa, scuola, arte, turismo e periferie. Per quanto riguarda il primo punto, la candidata grillina ha dichiarato che i mezzi pubblici devono avere priorità con corsie preferenziali protette e semafori intelligenti, sottolineando che la bicicletta deve diventare un mezzo sicuro ed efficace attraverso la realizzazione di corsie ciclabili leggere e stalli di sosta. In materia di rifiuti, multe salatissime per chi sporca la Capitale e un piano di raccolta intensificato e domiciliare con nuovi veicoli AMA, isole ecologiche in ogni quartiere e tariffe puntuali. Massima trasparenza sugli appalti mediante una vigilanza collaborativa con l’Anac per fermare la dilagante corruzione e azzerare gli sprechi. Valorizzare l’ambiente con regole chiare e un progetto che preveda 16.000 ettari di natura protetta, biodiversità, reperti, monumenti, ville e casali.

    SCOPRI COME IL SESSISMO INVADE LA CAMPAGNA ELETTORALE PER LE AMMINISTRATIVE 2016

    Per quanto riguarda la sicurezza, Virginia Raggi punta molto su un corpo di Polizia locale riorganizzato, sicurezza stradale incentivata e il superamento dei campi rom per consentire al tempo stesso un censimento patrimoniale approfondito per ogni insediamento. Politiche sociali trasparenti e serie con un nuovo piano regolatore sociale, progetti per gli anziani e i migranti, e servizi H24. Il diritto alla casa riveste un ruolo importante nel programma elettorale del M5S. Gli affitti non devono superare il 20% del reddito. “Rendiamo pubblica la mappa e completiamo il censimento del patrimonio immobiliare del Comune – si legge sul sito di Virginia Raggi -, blocchiamo la sua vendita e riportiamo gli abitanti nella città. Azzeriamo gli affitti passivi, facciamo manutenzione per le case pubbliche inagibili e favoriamo l’auto-recupero degli immobili coinvolgendo la cittadinanza attiva. Migliaia di cantieri aperti alle piccole imprese per il recupero degli alloggi perduti”.

    LEGGI LA STORIA SUL DIRITTO DI VOTO ALLE DONNE IN ITALIA

    Gli altri punti del suo programma elettorale sono: asili e scuole sicure con mense sostenibili, orti scolastici e nuovi percorsi educativi; trasparenza e meritocrazia nei fondi per la cultura, spazi culturali e artistici anche nelle periferie, sostegno all’artigianato; valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale della Capitale; blocco dell’espansione urbana, salvaguardia di quel che resta della campagna romana e nuove regole per recuperare gli abitanti perduti attraverso un nuovo piano che permetta a Roma di avere una rete diffusa di servizi.

    1117

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàDonne in CarrieraElezioni amministrative 2016PoliticaVirginia Raggi Ultimo aggiornamento: Venerdì 08/07/2016 10:55
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI