Chi è Jesse Klaver, la sorpresa delle elezioni olandesi: il leader dei Verdi è la nuova stella politica

da , il

    Chi è Jesse Klaver, la sorpresa delle elezioni olandesi: il leader dei Verdi è la nuova stella politica

    E’ lui la vera sorpresa delle elezioni olandesi: Jesse Klaver, leader della sinistra eco-sociale che mercoledì al voto ha avuto un successo storico quadruplicando i seggi. Ne ha conquistati 14, rispetto ai 4 delle scorse elezioni, diventando così il partito più rappresentativo della sinistra nel parlamento olandese. Scopriamo chi è il trentenne leader dei Verdi che ha spopolato alle elezioni olandesi che hanno confermato la vittoria del premier uscente Mark Rutte.

    Jesse Klaver ha appena 30 anni ed è già la nuova stella della politica olandese. Con lui i Verdi hanno raggiunto il loro miglior risultato, portando per la prima volta un partito antirazzista al parlamento europeo.

    Dalla parte opposta rispetto a Geert Wilders, che tutti i pronostici davano per favorito, Klaver rappresenta l’Olanda multietnica: di padre marocchino e madre indonesiana e cresciuto a sussidi statali, borse di studio e case popolari. Ed è proprio nella società multiculturale che crede, nella forza del mix di culture e popoli: “Smettiamola di parlare degli immigrati. Non c’entrano con la crisi o con i tagli al welfare. Sono le paure della destra ad aver cancellato anni di tolleranza e libertà, non quattro stranieri”. In molti già lo accostano al bello e giovane ministro canadese Justin Trudeau, non solo per l’avvenenza ma anche per la vicinanza al popolo.”Ci siamo dimenticati dell’eguaglianza, i ricchi sono oggi troppo ricchi e i poveri troppo poveri” annuncia.

    Padre di famiglia

    Nato a Rosendaal, nel sud dell’Olanda, è in politica sin da giovanissimo: parlamentare dal 2010 e leader dei Verdi GroenLinks dal 12 maggio 2015. Ha attirato il voto di tanti giovani, il bel politico dai riccioli fluenti che, appena resi noti i risultati, ha esclamato con soddisfazione “Il populismo non ha vinto!”. Subito dopo, ha dato un bacio a sua moglie Jolein, alla quale ha chiesto scusa pubblicamente per il tempo che non le ha dedicato. Con lei ha due figli.

    Carisma e sorriso

    Ha carisma da vendere Jesse Klaver, che è stato capace di attirare a sé voti sia dei giovani che di altri partiti della sinistra, i delusi dei laburisti, i dipendenti pubblici e di quella classe media che oggi in tutta Europa non se la passa troppo bene. Maniche arrotolate, sorriso smagliante e capace di infondere speranza. Per questo, altri lo hanno invece accostato all’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Ma lui ha una personalità forte, tutta sua. Difficile che perda la pazienza, anche se per sua stessa ammissione gli sono saltati i nervi una volta in un dibattito con Wilders, il leader ultra conservatore antieuropeista e anti-islamico. Quando nel 2014 Wilders chiese alla folla se volevano “più o meno marocchini” nella nazione, si sentì profondamente toccato. Era da poco divenuto papà e il pensiero di suo figlio discriminato non l’ha fatto più ragionare: “Mi ha fatto male, mi ha colpito, perché, credo, stavo diventando padre “ spiegò in quell’occasione.