Chi è Hélène Pastor: l’ereditiera morta in un agguato

da , il

    Helene Pastor

    Chi è Hélène Pastor, l’ereditiera monegasca morta ieri dopo essere stata vittima di un agguato il 6 maggio a Nizza. Aveva 77 anni ed era la donna più ricca del piccolo, e ricchissimo, Principato di Monaco. Più ricca perfino degli stessi Grimaldi, grazie alla fortuna immobiliare che possedeva, lasciata in eredità dall’attività edilizia del nonno Gian Battista, emigrante italiano, prima e dal papà Gildo, poi. Chiarita la dinamica dell’attacco armato, ipotizzato il reato, restano ancora da chiarire i contorni della triste vicenda, che ha visto la morte anche dell’autista e maggiordomo della donna, il 64enne Mohamed Darwich, deceduto il 10 maggio.

    L’agguato a Nizza

    Era il 6 maggio, Hélène Pastor stava lasciando l’ospedale Archet di Nizza dove il figlio Gildo era ricoverato in seguito a un infarto, quando un uomo armato di fucile a canne mozze l’ha ferita a volto, collo e torace, per poi scappare in auto con un complice. Il suo autista e maggiordomo, il 64enne Mohamed Darwich, è deceduto il 10 maggio, la Pastor, invece, era uscita dal coma, ma era ancora in condizioni gravissime e poi, ieri il decesso.

    L’ipotesi di reato formulata dagli inquirenti è chiara: omicidio e associazione per delinquere a scopo di omicidio. I sospetti di un coinvolgimento del crimine organizzato sono forti, anche se non sono ancora chiari né i responsabili né il movente. Attualmente è stato fermato un uomo, presunto ricattatore, che avrebbe contattato più volte la famiglia della vittima, millantando di avere informazioni sugli assassini e sui mandanti dell’agguato.

    LA VIOLENZA SULLE DONNE, UNA REALTA’ TRAGICA

    Chi è Hélène Pastor

    Hélène Pastor era una ricca, anzi ricchissima ereditiera monegasca, la donna più ricca di Monaco. Aveva 77, due figli, Sylivie, sposata con il console polacco a Monaco, e Gildo, e un patrimonio stimato nella cifra record di 19 miliardi di euro. Una donna d’affari, discreta e riservata, che non amava né i flash dei fotografi né la vita mondana. Poca vita pubblica e tanto lavoro per l’erede di una fortuna immobiliare che affonda le radici nella prima metà del secolo scorso e in Italia.

    Nel 1936 il Principe Grimaldi ha affidato al nonno della Pastor, Gian Battista, emigrato dalla vicina Liguria, l’incarico di costruire il primo stadio Louis II. Così è cominciato tutto. Il figlio, padre di Hélène, Gildo Pastor, poi ha completato l’opera ridisegnando l’edilizia del principato e costruendo, nel vero senso della parola, una fortuna immobiliare. Hélèn Pastor, dopo la morte dei due fratelli, ha ereditato tutto. Amministrava la sua società immobiliare nel Principato, la HPP, e il suo consistente patrimonio. Basti pensare che un appartamento su tre a Monaco è di sua proprietà.

    Ecco, in breve, chi era la ricca ereditiera che ha perso la vita nell’agguato armato di Nizza del 6 maggio, che nonostante aver lottato per farcela ieri si è spenta in un letto dell’Ospedale Saint-Roch.

    SCOPRI DI PIU’ SULLA PRINCIPESSA CAROLINA, REGINA DI STILE DI MONACO