Carugate: tentano di rapire tre bambini in oratorio, fermati un uomo e una donna

L'intervento di alcuni genitori si è rivelato provvidenziale: le piccole vittime stavano per essere portate via e trovare chissà quale destino. L'arresto riguarda due fratelli kenioti, fermati dalle forze dell'ordine dopo una breve fuga a piedi: dovranno rispondere di tentato sequestro di persona.

da , il

    Carugate: tentano di rapire tre bambini in oratorio, fermati un uomo e una donna

    Paura a Carugate (Milano), dove un uomo e una donna sono stati arrestati con l’accusa di aver tentato di rapire tre bambini in oratorio. Provvidenziale sarebbe stato l’intervento di alcuni genitori, e i due, fratello e sorella kenioti di 38 e 34 anni, sono stati fermati dopo una breve fuga. Le vittime del tentato sequestro hanno 7, 10 e 11 anni.

    Tentato sequestro in oratorio: arrestati fratello e sorella

    Due persone originare del Kenia, fratello e sorella di 38 e 34 anni, sono state arrestate con l’accusa di aver tentato il sequestro di persona di tre bambini (di 7, 10 e 11 anni) nel bar di un oratorio a Carugate. In particolate, la donna avrebbe tentato con la forza di portarli all’esterno del locale, per poi raggiungere il fratello pronto a protar via i piccoli.

    I genitori hanno impedito il sequestro

    I tre minori si sarebbero salvati dal rapimento grazie al pronto intervento dei genitori, in seguito a cui i due si sarebbero dati alla fuga per poi essere intercettati e fermati dai carabinieri.

    I due kenioti sarebbero fuggiti a piedi, ma i militari li hanno arrestati nei pressi della zona del tentato sequestro. Per loro è questa l’accusa, e si trovano ora in carcere a San Vittore a disposizione dell’autorità giudiziaria.

    Proseguono intanto le indagini, volte a comprendere il movente del reato e i retroscena, compresa l’eventualità che abbiano agito per conto di una rete più estesa di criminali. Entrambi incensurati, sarebbero in Italia da diverso tempo, residenti nei pressi di Vimercate e la loro posizione è regolare.