Canzoni Sanremo 2012: “La notte” di Arisa, video e testo

da , il

    “La notte” di Arisa è la canzone che si è classificata seconda al Festival di Sanremo, ma secondo me è quella che doveva vincere, una canzone bella e romantica, che racconta la vita di noi donne nell’aspetto più fragile e intimo, cioè quando restiamo sole con le nostre paure e i nostri rimpianti. Arisa è stata davvero impeccabile al Festival, un look curato e chic, una voce incredibilmente elegante e raffinata e tanta dolcezza, soprattutto nel duetto con Josè Feliciano.

    Oggi vi presento qualche curiosità su “La notte” di Arisa, domenica pomeriggio mi sono guardata “Così è la vita”, per raccogliere qualche curiosità per voi amiche di Pour Femme. E qualcosa in effetti è venuta fuori, la canzone che ha cantato Arisa l’ha scritta Giuseppe Anastasi, che è anche l’ex fidanzato storico della cantante, e parla proprio della loro storia, della fine dell’amore inteso come rapporto a due, e continua sotto forma di amicizia e stima, anche se… Arisa mi è parsa molto presa da questa storia e chissà che non sbocci di nuovo l’amore, sarebbe bello se ogni tanto le cose andassero come nei film d’amore, no?

    Ecco per voi il bellissimo testo de “La notte” di Arisa, in alto invece c’è il videoclip ufficiale:

    Non basta un raggio di sole in un cielo blu come il mare

    perché mi porto un dolore che sale che sale

    Si ferma sulle ginocchia che tremano e so perché

    E non arresta la corsa lui non si vuole fermare

    perché è un dolore che sale che sale e fa male

    Ora è allo stomaco fegato vomito fingo ma c’è

    E quando arriva la notte e resto sola con me

    La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché

    Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà

    La vita può allontanarci l’amore continuerà

    Lo stomaco ha resistito anche se non vuol mangiare

    Ma c’è il dolore che sale che sa e e fa male

    Arriva al cuore lo picchiare più forte di me

    Prosegue nella sua corsa si prende quello che resta

    Ed in un attimo mi scoppia la testa

    Vorrebbe una risposta ma in fondo risposta non c’è

    E sale e accende gli occhi il sole adesso dov’è

    Mentre il dolore sul foglio è seduto qui accanto a me

    Che le parole nell’aria sono parole a metà

    Ma queste sono già scritte e il tempo non passerà

    Ma quando arriva la notte e resto sola con me

    La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché

    Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà

    La vita può allontanarci l’amore continuerà

    E quando arriva la notte e resto sola con me

    La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché

    Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà

    La vita può allontanarci l’amore continuerà

    di G.Anastasi