Bouquet da sposa con i fiori d’arancio

da , il

    Associamo sempre i fiori d’arancio alla sposa. I frutti dell’arancio sono considerati portatori di felicità e abbondanza mentre i fiori, chiamati Zagare, da sempre, vengono associati al candore e alla purezza. Sembra che l’usanza di associare la Zagara alla sposa arrivi dai tempi delle Crociate.

    I Saraceni erano soliti utilizzare i fiori d’arancio per adornare gli abiti delle spose. Furono i Crociati a portare in Europa questa usanza.

    Non manca però anche una leggenda che riguarda l’uso delle Zagare nel bouquet da sposa.

    Molti anni fa, non si sa di preciso quando, una principessa di un regno lontano donò al re di Spagna una pianta di arance. Un ambasciatore in visita chiese in dono al re un ramoscello fiorito, ma il re glielo negò. Allora l’ambasciatore domandò al giardiniere di corte di tagliare di nascosto un ramoscello dalla pianta. Il giardiniere acconsentì e per la sua gentilezza fu premiato con 50 monete d’oro.

    La figlia del giardiniere, che era poverissimo, con questi soldi potè finalmente sposarsi e il giorno delle nozze si adornò i capelli con i fiori d’arancio perché proprio questi le avevano permesso di essere felice e di sposarsi.

    I fiori d’arancio sono bianchi, con corolla stellata e profumatissimi.

    Per la sposa classica e raffinata il bouquet ideale è composto da fiori d’arancio, gigli e gelsomini. Il profumo è garantito!

    Se preferite, invece, dare un tocco di colore al bouquet, insieme ai fiori d’arancio potete mettere qualche rosellina rosa per un bouquet dalle sfumature tenui, oppure delle orchidee per un effetto raffinato, o osare dei contrasti di colore, associando fiori arancioni, rossi o fucsia.

    Foto: images.virgilio.it

    files.splinder.com

    www.bridalpartytees.com

    www.thedelightedeye.com