Natale 2016

Bambina schiacciata dallo scaffale: su Facebook il grido di dolore della madre

Bambina schiacciata dallo scaffale: su Facebook il grido di dolore della madre
da in Attualità, Bambini, Cronaca, Genitori
Ultimo aggiornamento:
    Bambina schiacciata dallo scaffale: su Facebook il grido di dolore della madre

    E’ una donna distrutta dal dolore Valentina Ledda, colpita dal più grave lutto che possa affliggere una donna: la perdita del proprio figlio. Una morte tanto ingiusta quanto assurda quella della piccola Sofia di 22 mesi schiacciata dallo scaffale nel centro commerciale di Elmas, nel Cagliaritano, mentre i genitori stavano facendo la spesa. E’ bastato un attimo e la piccola ha perso la vita sul colpo. Ieri si sono celebrati i funerali ed oggi la mamma esprime su Facebook il suo grido di dolore. Una lettera commovente che esprime tutto lo strazio di una madre.

    Un dolore non reso meno lieve dall’attesa di un’altra bimba: Valentina Ledda infatti è incinta e porta in grembo la sorellina di Sofia. Ma questo anno purtroppo ha rappresentato per la famiglia e soprattutto per la donna, un periodo molto difficile, per la perdita prima di suo padre e dopo, quella della sua piccola.

    A cosa penso? A quanto è ingiusta questa vita.. Potessi cancellare il 2016 lo farei subito. Un anno che mi ha dato solo tanta tristezza, un anno crudele, mi ha portato via le due persone più importanti della mia vita. Il mio papà, lo amo tantissimo, l’hai fatto soffrire, dandoci la speranza per ben due volte che potesse farcela e poi l’hai portato via da noi per sempre….poi dopo un mese e mezzo ti sei portato via l’amore mio più grande, la mia vita” si legge nel post.
    Non ci capacitiamo mai di come possa un essere indifeso e innocente perdere la vita. E’ ciò che non dà pace alla mamma di Sofia, in un insieme tra disperazione e rabbia.

    Perché lei? Perché? Era una bambina dolcissima, regalava sorrisi per tutti, baci a abbracci, lo dicevo sempre era la bambina perfetta. Forse è per questo che hai voluto che diventasse un Angelo? Ma io non ti perdonerò MAI. E ora mi trovo qui… con il cuore a pezzi, ma che devo riuscire a ricucire velocemente per amare nuovamente un’altra principessa…Lei che in questi nove mesi ha sentito e provato tutto il dolore di quest’anno così triste…. Spero che sia forte come il suo nonnino, e che assomigli tanto alla sua sorella maggiore, anche se saranno due persone diverse. Chissà se riusciremo ad essere dei bravi genitori, ora tutto è cambiato e le paure sono aumentate, ma sono sicura che l’amore per te sarà altrettanto grande“.

    Una vicenda che ha lasciato tutti nello sgomento, nella più profonda tristezza, così come leggere l’ultimo saluto di addio di una madre alla sua bambina.
    Eppure ciononostante Valentina trova la forza anche di ringraziare chi le è stata vicina in questo immenso dolore: “Solo ora trovo forse le parole giuste per ringraziare le persone che ci sono state vicine. Iniziando dal mio paese d’adozione Sinnai, che ha dimostrato tanto affetto verso di noi e la nostra piccola, il sindaco Matteo Aledda che oltre ad aver onorato l’ultimo saluto della nostra piccola con il lutto cittadino è stato vicino a noi fisicamente e umanamente, e tutta l’amministrazione comunale, i carabinieri, la forestale e il corpo della polizia municipale, dal comandante sig.Luciano a tutti i vigili. Grazie al conforto spirituale e umano del nostro parroco Don Giovanni Abis (prima di essere prete è un grande uomo, Sofia l’aveva capito il giorno del suo battesimo, regalandoli un sorriso mentre il sacerdote le fece il segno della croce nella fronte)“.

    LEGGI IL RICORDO DI CLAUDIA GALANTI DELLA FIGLIA MORTA

    Ma il Grazie più grande è per Sofia, quell’angelo che per quasi due anni ha reso piena di gioia la vita di Valentina e di suo marito.

    Grazie per i tuoi baci e abbracci, resteranno sempre nel nostro cuore, come ci sarai sempre tu… qua a casa tutto parla di te. Ovunque c’è qualcosa di tuo, hai riempito la nostra vita di tanta gioia e ora la tua scomparsa di tanto dolore.
    Grazie a te piccolo grande angelo Sofia, grazie per esserci stata in questi 22 mesi, per averci riempito la vita. Un bacio infinito cucciolo mio. Buon viaggio… mammina e papino (come ci chiamavi tu)
    “.

    R.i.p piccola Sofia e cerca di dare forza alla tua cara mamma

    793

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàBambiniCronacaGenitori

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI