Natale 2016

Argentina sotto shock: 16enne stuprata e torturata fino alla morte

Argentina sotto shock: 16enne stuprata e torturata fino alla morte
da in Attualità, Cronaca, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Argentina sotto shock: 16enne stuprata e torturata fino alla morte

    Argentina sotto shock per il brutale caso di femminicidio ai danni di una 16enne stuprata e torturata fino alla morte. La notizia terribile scuote l’intero paese. La vittima si chiamava Lucia Perez ed il suo corpo privo di vita è stato ritrovato lo scorso 8 ottobre davanti all’ospedale di Mar de la Plata ed ora l’agghiacciante verità rivelata dall’autopsia: è stata drogata con cocaina e cannabis per essere stordita, stuprata ripetutamente, torturata e impalata. Un crimine efferato, di una violenza inaudita tanto da scuotere l’intera nazione e lo stesso medico legale che “in tutta la sua carriera non ha mai visto una cosa del genere ed è rimasta sconvolta a tal punto da non riuscire a dormire la notte”.

    Per l’atroce delitto sono stati arrestati tre uomini: i due che hanno abusato e ucciso Lucia, Matias Farias, 23 anni, e Juan Pablo Offidani, 41, entrambi noti alle forze dell’ordine come spacciatori, mentre il terzo uomo è sospettato di aver aiutato i due nel tentativo di mascherare i segni di violenza. Prima di abbandonare la ragazza, ormai morta, davanti all’ospedale, i tre uomini avevano infatti lavato e rivestito il corpo. Alcuni giornali argentini riportano che la vittima conoscesse i due stupratori, dai quali avrebbe comprato droga.

    COS’E’ IL FEMMINICIDIO: CAUSE E ORIGINE DEL FENOMENO

    L’Argentina è sotto shock per l’ennesimo caso di femminicidio e nel paese sono state organizzate marce di solidarietà, migliaia di persone sono scese nelle piazze al grido di #NiUnaMenos («Non una di meno»). Il triste hashtag è nato l’anno scorso quando il paese fu duramente sconvolto dall’uccisione di un’altra minorenne: Chiara Parez, 14 anni, che fu picchiata e sepolta viva dal fidanzato perché rimasta incinta.

    La protesta in Argentina sta assumendo toni molto forti in quanto la violenza di genere è una piaga nel paese: la stima parla della morte di una donna ogni 30 ore per mano di u uomo. Nel 2015 i femminicidi sono stati almeno 286: nel 49% l’omicida era l’ex partner, nel 30% l’attuale compagno.

    Anche in Italia purtroppo il femminicidio ha assunto contorni davvero preoccupanti: solo nei primi otto mesi del 2016 le vittime sono state 76 con un escalation di violenza inaudita .

    Tutti chiedono giustizia per la povera ragazza, in prima linea il padre di Lucia che nel frattempo ha ricevuto minacce ed intimidazioni. Al momento è stata creata una pagina Facebook Lucia Perez Presente per non dimenticare come una giovanissima ragazza con sogni, speranze e una vita da vivere sia stata brutalmente uccisa e che le venga, per quanto possibile, data giustizia. Non solo l’Argentina è sotto shock, ma tutto il mondo, è una ferita per tutti. Anche noi chiediamo scusa a Lucia, come nella pagina in sua memoria, per essere stata vittima di una società dove non si rispettano ancora le donne, dove ancora c’è bisogno di lottare per dire stop alla violenza e dove ancora è stato sparso sangue innocente.

    Riposa in pace Lucia, adesso hai smesso di soffrire.

    620

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàCronacaViolenza sulle donne

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI