Anoressia: l’ultima moda è la drunkoressia

da , il

    I disturbi alimentari sono molto diffusi tra ragazze, la voglia di essere sempre perfette e somigliare sempre di più alle modelle delle riviste può provocare disturbi psichici che poi sfociano nel disordine alimentare. L’ultima tendenza è la drunkoressia, ovvero sostituire il cibo con l’alcool.

    La drunkoressia è forse ancora peggiore della semplice anoressia o della bulimia, queste ultime in quanche modo sfuggono al controllo, la drunkoressia invece è premeditata, si digiuna per 24/48 ore per poi poter bere molto alcool e cocktail di ogni tipo, ovviamente queste ragazze sanno benissimo che l’alcool contiene molte calorie e che quindi non ce lo si può concedere a cuor leggero.

    L’alcool ci rende più dell’alcol disinibite e facilita i rapporti sociali, soprattutto quelli con i ragazzi, quindi oltre a far dimagrire rende pure più attraenti, con un pò di buon senso è palese che questo discorso non sta in piedi, ma in buon senso in certi casi non c’è.

    I motivi per cui si finisce col bere molti alcolici sono vari, uno questo dell’essere disinibite senza accumulare calorie, affoga nel rum l’ansia di aver mangiato troppo dove per troppo si intendono cose tipo frutta o petto di pollo, c’è chi lo usa per indurre il vomito più facilmente, c’è chi addirittura cerca di superare i problemi di cuore che in soggetti con gravi disturbi possono essere fatali.

    La dottoressa Campanini durante il convegno, organizzato dall’ospedale San Paolo di Milano ha dichiarato: “Nel mio studio sono passate diverse ragazze con disturbi alimentari. Di queste due sono morte, una suicida. Ragazze che, una volta costruito un rapporto di fiducia, raccontano delle file durante gli happy hour. Non file per pagare o servirsi al buffet. Ma file di bicchierini superalcolici che bevono, uno dietro l’altro, per sentirsi sazie e disinibite“.

    Foto da:

    www.ecodiroma.org

    www.beaumontranch.com

    www.zizzoo.com

    www.worldofstock.com

    wwwdelivery.superstock.com

    images.inmagine.com