Anoressia, il racconto di Isabelle Caro

Anoressia, il racconto di Isabelle Caro
da in Anoressia, Libri, Mente, Salute E Benessere, Donne
Ultimo aggiornamento:

    Isabelle Caro la conoscete tutti ma forse non associate il suo viso e il suo corpo a questo nome. Isabelle Caro è la donna che ha posato per Oliviero Toscani nella campagna shock del 2007 contro l’anoressia. Ora ha deciso di scrivere un libro per raccontarsi in tutte le sue mille sfaccettature e quindi anche come donna, che sogna, lavora, e che vive la sua vita al di là del suo essere anoressica.

    Isabelle Caro è una donna fragile ma anche molto forte, che combatte tutti i giorni contro se stessa e per se stessa, combatte per un mondo migliore dove l’anoressia venga capita e guarita nel modo giusto e cioè con l’amore e con la compresione, ci sono malattie che si possono curare con rimedi universali che vanno bene per tutte le persone, ci sono altre malattie che sono un mondo a sè e l’anoressia è uno di questi, ogni persona la vive in modo diverso e quindi serve per ognuno un approccio e una cura diversa.

    Isabelle Caro ha scritto un libro, la sua autobiografia “La ragazza che non voleva crescere. La mia battaglia contro l’anoressia”, un libro in cui si racconta e ci spiega cosa c’è dietro la sua malattia, dietro il suo corpo, dietro l’immagine stereotipata che il mondo conosce.

    In una lunga intervista al sito repubblica.it si racconta e risponde alle domande di Chiara Brusa Gallina, quando le chiedono se si è pentita di aver posato per Oliviero Toscani risponde di no, ma racconta anche come la sua vita è cambiata dopo quegli scatti, i problemi per avere dei lavori, le critiche severe del movimento pro-ana (gruppi che esaltano l’anoressia come stile di vita) insomma tutto quello che può accadere quando diventi un volto noto.

    Riporto qualche stralcio dell’intervista che mi ha davvero colpita, sul mondo della moda e sugli stilisti in merito all’anoressia ha dichiarato: “Nel mondo della moda, ad esempio, il problema non è risolto.

    Hanno votato delle leggi per vietare le modelle troppo magre, ma si continua a chiedere alle ragazze di perdere peso. Lo dico perché l’ho visto. Ero nella giuria di un concorso, alcuni stilisti che facevano parte della commissione dicevano alle ragazze, magari quindicenni, che avrebbero dovuto dimagrire. Quegli stilisti erano gli stessi che avevano votato a favore del divieto“.

    Quando le chiedono come si può guarire dall’anoressia ha risposto così: “Studiare ogni singolo caso, ascoltare, amare chi non è capace di amarsi da solo“, direi con queste parole chiudo questo post.

    L’intervista per intero vi consiglio di leggerla, è davvero toccante.

    Foto da:
    www.cristianaprada.it
    www.pt-art.it
    www.2medusa.com
    twentyeight30.blogspot.com
    flickr.com/photos/27704745@N04
    www.mollat.com

    517

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnoressiaLibriMenteSalute E BenessereDonne
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI