Amici: li scegliamo in base al DNA

Amici: li scegliamo in base al DNA
da in Amicizia, Chiacchiere fra amiche, Intimità, Mente, psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Amicizia

    Pensate che la scelta degli amici dipenda solo da una questione di… feeling? Provate a rifletterci, e valutate in base a quali fattori avete stretto amicizia con alcune persone e non con altre. Già al primo incontro ci saranno stati degli atteggiamenti, magari espressioni o modi di fare che vi avranno colpito favorevolmente, spingendovi ad approfondire la conoscenza . Certo, noi donne, rispetto ai maschi, siamo più competitive con le nostre amiche, eppure, mi è difficile immaginare qualcosa di più solido di una bella amicizia femminile, di quelle che durano un vita superando con successo litigi e incomprensioni, e che crescono e maturano con il procedere dell’età.

    Se, ritornando con la memoria a quando eravate piccole e sceglievate le vostre migliori amiche in modo assolutamente spontaneo e istintivo, vi siete rese conto che non c’era un motivo specifico per cui andavate subito d’amore e d’accordo con l’una piuttosto che con l’altra, sappiate che non è questione di “pelle”, ma di geni. Una recente scoperta, che mi sento di avallare in pieno, ci dice in termini scientifici una verità che intuivamo in modo empirico: ci sentiamo attratti e selezioniamo come amici coloro che hanno un codice genetico simile al nostro.

    Incredibile, vero? Si tratta dei risultati di uno studio condotto dai ricercatori James Fowler, dell’Università di San Diego, e Nicholas Christakis dell’Università di Harvard e pubblicati sulla rivista scientifica Pnas, il giornale ufficiale dell’Accademia Nazionale delle Scienze americana. L’interessante indagine andava a scandagliare proprio le forze invisibili che legano le persone e come si intessono le reti di relazione interpersonali.

    E’ emerso, come anticipato, che tutti gli esseri umani, quasi attratti da un misterioso campo magnetico, si avvicinano a coloro che condividono con essi – in modo assolutamente casuale, naturalmente – parte del DNA.

    Il che spiegherebbe, di corollario, per quale motivo il detto “il sangue non è acqua”, ad indicare la potenza del vincolo parentale, è assolutamente vero e sperimentabile da ciascuno di noi. La differenza sta nel fatto che se i parenti non si scelgono, gli amici sì! Insomma, a metà strada tra la scoperta dell’acqua calda e una sorta di prova del nove scientifica di sensazioni note a tutti, questa ricerca ci conforta e, soprattutto, ci conferma che l’istinto, di solito, ci prende più della razionalità. Attendiamo con fiducia analoghe scoperte a proposito di “colpo di fulmine” e innamoramento

    459

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AmiciziaChiacchiere fra amicheIntimitàMentepsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI