NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Alimentazione: cibi da mangiare e insidie da evitare

Alimentazione: cibi da mangiare e insidie da evitare
da in Alimentazione, Benessere, Dieta E Fitness, Primo Piano, Prova Costume
Ultimo aggiornamento:

    Quando si inizia una dieta la prima cosa che si deve fare è ripristinare una dieta equilibrata. Nel supermercato, ci concentriamo sui cereali, yogurt e prodotti dietetici. E se fosse la cosa sbagliata? Vediamo insieme quali sono gli alimenti che possiamo acquistare e quali invece i trabocchetti che ci sono negli scaffali e nella pubblicità in televisione e nei giornali. La cosa più importante è imparare a leggere l’etichetta degli alimenti in modo da scegliere consapevolmente quello che mangiamo, e sapere esattamente che cosa finirà nel nostro piatto.

    • Per evitare commettere errori la prima cosa da imparare e di buttare qualsiasi cosa nel carrello della spesa, prima dobbiamo leggere attentamente l’etichetta.

    • Informarsi sulla natura del cibo, il trattamento che ha subito (ad esempio il congelamento), condizione fisica e se contiene dolcificanti artificiali.
    • Controllare tutto l’elenco degli ingredienti, tutti i componenti utilizzati nel prodotto devono essere notificata. Additivi, la presenza e non di OGM o di allergeni (glutine, cereali, crostacei, uova, pesce, latte di soia o …).
    • Controllate sempre la quantità netta, ovvero il peso netto sgocciolato o la quantità di prodotto effettivamente mangiare (come la quantità di verdure in scatola, una volta esaurito), oltre a mantenere il controllo sul cibo eviterete le fregature!
    • Le date di scadenza sono importantissime perchè indicano per quanto tempo il prodotto mantiene le proprietà intrinseche questa deve essere indicata sull’etichetta del prodotto e le sue condizioni di conservazione. Il DLC (limite di tempo per il consumo) è usato per le merci deperibili (frutta, verdura, fresca) perché il loro uso può essere pericolosa per la salute. Il BBD (termine per l’utilizzo), che è la data oltre la quale il gusto o di un prodotto alimentare può deteriorarsi, senza costituire un pericolo lotto di produzione deve essere registrata su tutti gli altri prodotti .
    • La carta d’identità del prodotto, ovvero la tracciabilità del prodotto: tempo, luogo e di processo.
    • I dettagli della marca, cioè i nomi e gli indirizzi di produzione, condizionamento, distributore o importatore nell’UE sono etichettati in modo da mettersi contro qualcuno, se il prodotto non è buona.
    • Le varie condizioni specifiche che non sono specificate ma che dobbiamo sapere la presenza di alcool che deve essere evitata dalle donne in gravidanza, il tasso di grasso dei formaggi, la presenza e quantità di aspartame, o i possibili effetti lassativi.

    Foto da:
    l.yimg.com/
    img.xcitefun.net
    www.taaz.com
    www.marieclaire.fr
    www.candy-blush.com
    image3.examiner.com
    www.beyonddieting.com
    www.a-personaldietitian.com

    492

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereDieta E FitnessPrimo PianoProva Costume
    PIÙ POPOLARI