Abiti da sposa 2009: collezione Gritti Spose

da , il

    Non trovate delizioso l’abito da sposa nella foto? Io sì, tanto che se dovessi farlo di nuovo, penso che tornerei a sposarmi con un abito della Collezione Gritti Spose.

    Ho conosciuto la maison per caso, sfogliando una delle tantissime riviste di cui mia sorella mi ha letteralmente sepolta quando ho stabilito la data del mio matrimonio. L’abito che avrei indossato, l’ho scelto proprio su una di quelle riviste, ed era un abito firmato Gritti Spose, griffe che allora non conoscevo, ma da allora ho imparato ad apprezzare. La collezione abiti da sposa 2009/20010, di cui in questo post vi presento un assaggio, la trovo coerente con lo stile prezioso ed elegante della griffe.

    Mi piace particolarmente l’abito da sposa della cover: il colore, champagne, spezza la monotonia dei soliti colori utilizzati per gli abiti da sposa come il bianco o l’avorio, evitando colori eccessivamente strong. Il tessuto è il taffetà (anche quello del mio abito!) arricchito dall’organza che gonfia la gonna. La scollatura è pronunciata, come nello stile della mitica Marylin Monroe, che ha ispirato l’abito, arricchito da una balza che ricade asimmetrica lungo la gonna.

    Drappeggi morbidi e bagliori candidi che si incontrano ad esaltare il punto vita, invece, per l’abito Femme Fatale, arricchito da cristalli Swarovski uniti in una composizione esclusiva.

    Dedicato ad una sposa raffinata, infine, l’abito Anastasia, in organza raso di seta completato da pizzi ricamati e da una spallina in cristallo di rocca.

    Semplice ed elegante l’abito Bacio di Venere, ealizzato in raso di seta e organza completato da spalline in cristalli Swarowski e arricchito da un fiore applicato sul fianco destro. Per una sposa dolce e raffinata.

    Fiori sul retro dell’abito Gilda, pensato per una sposa romantica, che sceglie la tradizione legata ad un’idea di femminilità sensuale. Il pizzo ricamato, in quest’abito si mescola al taffetà e all’organza che sulla coda ricade in una cascata di rouge.

    Per una sposa che vuole osare e sceglie di essere alla moda e al passo con i tempi anche il giorno del suo matrimonio, perfetto l’abito Tempo d’Estate color ortensia, realizzato in organza di seta e taffetà con un fiore in vita e cintura in paillettes.

    Eleganza settecentesca per l’abito My Life, dedicato ad una sposa romantica. Il corpino con pizzi ricamati in oro emerge dalla nuvola d’organza della gonna ampissima, arricchita da un’imponente coda e dalle sensualissime spalline che ricadono a metà spalla.

    Immagini: Grittispose.com