A rischio depressione i nati in inverno, come riconoscerne i sintomi

da , il

    depressione nati in inverno

    La depressione è uno stato di sofferenza psichica che non si riesce a controllare, ci si sente sopraffatti dalla tristezza e dal pessimismo e non se ne capisce il motivo. Una recente ricerca scientifica ha dimostrato che la depressione è più frequente nelle persone nate nei mesi freddi, i segni zodiacali più a rischio sono quindi Acquario, Pesci, Bilancia, Scorpione, Sagittario e Capricorno, segni ai quali è sempre stata associata una spiccata sensibilità agli eventi della vita. La depressione non è imputabile a tutti i nati in inverno, semplicemente, c’è una maggiore tendenza rispetto agli altri, cosa che si verifica più frequentemente nelle donne.

    Depressione: più a rischio i nati in inverno

    depressione stagioni

    Uno studio condotto dai medici psicologi dell’Università di Bologna, in collaborazione con colleghi di altri atenei italiani e stranieri, ha evidenziato che chi nasce in inverno ha la tendenza a sviluppare questa patologia dell’anima, la ricerca è ancora in corso ma pone le basi per una prevenzione e un controllo più attento verso una determinata fascia di persone. Ma come si valuta la tendenza a questa patologia? Viene usato il test SPAQ-CA ( Seasonal Pattern Assessment Questionnaire for Children and Adolescents), un questionario di valutazione in cui ogni giorno vanno indicati con una croce i momenti in cui ci si sente tristi, con le energie al minimo, irritabili o pessimisti. Poi si deve indicare come cambiano sonno, umore, peso e attività sociale in base alle stagioni ed anche i problemi e la nostra forza per affrontarli. Non c’è ancora nulla di certo però un semplice test di autovalutazione potrebbe aiutarci a capire se siamo effettivamente più sensibili.

    Depressione: i sintomi

    depressione sintomi

    La depressione si può manifestare con molti sintomi diversi, si va dall’ansia alla tristezza, fino a veri sintomi fisici come l’emicrania, disturbi gastroenterici e manifestazioni somatiche. Tra i sintomi più comuni e ai quali si deve prestare attenzione ci sono: la continua stanchezza, frequenti stati di ansia, di tristezza e di irritabilità. Incapacità a svolgere qualsiasi compito, difficoltà a concentrarsi, diminuzione della lucidità e poi una generale perdita di speranza per il futuro, una continua sensazione di fallimento, insoddisfazione, sensi di colpa per cose che non dipendono da noi e poi il considerare il suicidio l’unica possibile soluzione. Spesso uno dei sintomi che funge da campanello d’allarme è il ritiro sociale, improvviso o anche progressivo.

    Depressione: come si cura

    depressione nati in inverno cure

    La depressione non ha una cura unica e miracolosa che va bene per tutti, è un percorso di cura in cui si impara a volersi bene e ad accettarsi per quello che si è, fragilità comprese. Tra le terapie più efficaci sono sicuramente la psicoterapia, la psicoanalisi, la terapia cognitivo – comportamentale e la terapia somatopsichica.

    Ti potrebbero interessare:

    L’amore “vince” anche la depressione. Il segreto è in un ormone

    Depressione post partum? Non è solo affare di donne

    Depressione post parto: come cambia in base alle stagioni

    Stress, depressione e insonnia fanno ingrassare

    Depressione: prevenirla con la vitamina B